Commento alle letture di sabato 28 ottobre 2017 – Mons. Costantino Di Bruno

70

Il commento alle letture di sabato 28 ottobre 2017 a cura di  Mons. Costantino Di Bruno, Sacerdote Diocesano dell’Arcidiocesi di Catanzaro–Squillace (CZ).

Chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici

Nella Scrittura Antica è il Signore che chiama. Il primo re, Saul, è stato scelto da Lui e poi ripudiato a causa delle sue gravi disobbedienze. Al suo posto ha scelto Davide, guidando il suo profeta Samuele, perché non si lasciasse ingannare dai suoi occhi.

Il Samuele fece santificare anche Iesse e i suoi figli e li invitò al sacrificio. Quando furono entrati, egli vide Eliàb e disse: «Certo, davanti al Signore sta il suo consacrato!». Il Signore replicò a Samuele: «Non guardare al suo aspetto né alla sua alta statura. Io l’ho scartato, perché non conta quel che vede l’uomo: infatti l’uomo vede l’apparenza, ma il Signore vede il cuore». Iesse chiamò Abinadàb e lo presentò a Samuele, ma questi disse: «Nemmeno costui il Signore ha scelto». Iesse fece passare Sammà e quegli disse: «Nemmeno costui il Signore ha scelto». Iesse fece passare davanti a Samuele i suoi sette figli e Samuele ripeté a Iesse: «Il Signore non ha scelto nessuno di questi». Samuele chiese a Iesse: «Sono qui tutti i giovani?». Rispose Iesse: «Rimane ancora il più piccolo, che ora sta a pascolare il gregge». Samuele disse a Iesse: «Manda a prenderlo, perché non ci metteremo a tavola prima che egli sia venuto qui». Lo mandò a chiamare e lo fece venire. Era fulvo, con begli occhi e bello di aspetto. Disse il Signore: «Àlzati e ungilo: è lui!». Samuele prese il corno dell’olio e lo unse in mezzo ai suoi fratelli, e lo spirito del Signore irruppe su Davide da quel giorno in poi. Samuele si alzò e andò a Rama (1Sam 16,1-13).

Anche Aronne, primo Sacerdote, è stato scelto da Dio. Poi però sacerdoti e re si diveniva per successione. Il Signore interveniva di volta in volta nella storia per raddrizzare le cose, ma la legge era immodificabile. Sempre però Lui conservò il diritto di scelta nei profeti. Questi venivano direttamente chiamati da Lui. Non vi erano successioni. Non esistevano dinastie. La missione moriva con il profeta.

Amasia, sacerdote di Betel, mandò a dire a Geroboamo, re d’Israele: «Amos congiura contro di te, in mezzo alla casa d’Israele; il paese non può sopportare le sue parole, poiché così dice Amos: “Di spada morirà Geroboamo, e Israele sarà condotto in esilio lontano dalla sua terra”». Amasia disse ad Amos: «Vattene, veggente, ritirati nella terra di Giuda; là mangerai il tuo pane e là potrai profetizzare, ma a Betel non profetizzare più, perché questo è il santuario del re ed è il tempio del regno». Amos rispose ad Amasia e disse: «Non ero profeta né figlio di profeta; ero un mandriano e coltivavo piante di sicomòro. Il Signore mi prese, mi chiamò mentre seguivo il gregge. Il Signore mi disse: Va’, profetizza al mio popolo Israele (Am 7,10-15).

Nel Nuovo Testamento vengono abolite le dinastie sacerdotali o apostoliche. Chi sceglie è sempre il Signore. La vocazione è un dono di Dio ad ogni singola persona.

In quei giorni egli se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore. Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidone, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.

Nella Chiesa ogni ministero, vocazione, carisma, dono è dato dallo Spirito Santo. La scelta è il frutto della sua divina sapienza, eterna intelligenza che è insindacabile e sempre incomprensibile. Alla Chiesa non è dato il potere della scelta, ma del discernimento. Essa deve esaminare ogni cosa, osservare con attenzione ogni manifestazione dello Spirito Santo e mettere ordine nei carismi e nei ministeri perché tutto si svolga nella comunione, nella pace, nel rispetto, nell’accoglienza gli uni degli altri. La Chiesa mai deve sostituirsi allo Spirito Santo, mai estinguerlo, mai frenarlo, sempre favorirlo, aiutarlo, porsi a suo servizio. In questo servizio è la sua grandezza.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci servi dello Spirito Santo.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 6, 12-16
Dal Vangelo secondo Luca

In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore.
Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 29 ottobre 2017 – Ileana Mortari (Teologa)
Articolo successivoIl Padre Nostro spiegato da: Origene