Commento al Vengelo del 9 Ottobre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

64

Per essere davvero di Cristo.

Non è la parentela o il vincolo di sangue a garantire la migliore comunione con Cristo. Non è questa neanche certezza di salvezza. Gesù lo dichiara anche a coloro che traevano vanto perché “figli di Abramo”. Dalla folle si leva un grido che proclama beato il grembo che ha portato Gesù e il seno da cui Egli ha preso il latte.

È evidente il riferimento a Maria santissima, la madre del Cristo; quella voce adempie tra l’altro una profezia che la stessa Madre aveva fatto nel suo canto di lode al Signore, nel Magnificat: “tutte le generazioni mi chiameranno beata”. Gesù con la sua solenne affermazione: “beati piuttosto coloro che ascoltano la Parole di Dio e la osservano”, non solo conferma e accresce la beatitudine di Maria, la donna dell’ascolto, ma la estende a tutti coloro che, come Lei, accolgono la Parola di Dio e la fanno fruttificare nelle opere della vita.

In un passo analogo, lo stesso Cristo dice che coloro che l’ascoltano diventano per lui, fratello sorella e madre. Gesù ci invita quindi a contrarre con lui una parentela spirituale che sgorga dalla comunione nella Parola e nella vita e ha il suo culmine nell’Eucaristia. Uno dei testi più preziosi della cristianità è “L’imitazione di Cristo”, un piccolo libricino che conduce il lettore alla migliore unione con il Dio, modellando tutta la vita con quella di Gesù.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 9 Ottobre 2021
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 9 Ottobre 2021