Commento al Vengelo del 8 Novembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

66

Se sette volte al giorno tornasse da te, dicendo: “Mi pento”, tu perdonagli!

La pagina evangelica di oggi si articola intorno a tre argomenti messi insieme in un passaggio in crescendo: lo scandalo, il perdono e la fede. Il primo argomento verte sulla gravità dello scandalo, cioè di qualsiasi ostacolo che venga messo sul cammino dei ‘semplici’ e che rischia di distoglierli dal seguire fedelmente Gesù. Egli ne proclama l’inevitabilità, ma grave sarà la responsabilità di chi provoca la perdita della fede.

Nel caso deprecabile che a rimanere scandalizzato sia “uno di questi piccoli, è meglio per lui che gli sia messa al collo una pietra da mulino e gettato nel mare”. Tale sentenza dà la misura della gravità di uno scandalo che fuorvia la gente semplice, allontanandola forse per sempre dalla strada della salvezza. L’avvertimento è rafforzato da una messa in guardia: “state attenti a voi stessi”. Il secondo argomento riguarda il rimprovero al fratello che pecca, e il perdono “se si pente”.

Anche se ciò succedesse “sette volte al – giorno” – molte volte – qualora ritorni dicendo: “Mi pento, gli perdonerai. Il perdono è alla basa della vita comunitaria, e la prontezza a perdonare non può avere limiti. Dopo quello sul perdono, vi è il terzo argomento riguardante la fede, introdotta da una richiesta degli apostoli: “Aumenta la nostra fede”. Essi erano consapevoli che la fede non è mai sufficiente e che il Signore la può accrescere. Gesù non risponde direttamente, né insegna loro una tattica per conquistarla.

Dice solamente: “Se aveste fede quanto un granellino di senapa, potreste dire a questo gelso: “Sii sradicato e trapiantato nel mare, ed esso vi ascolterebbe”. Esagerazione intenzionale. E’ la condizione “se” che limita il potere dell’impossibile e mette in atto comunque una potenza divina. I discepoli chiedono quantità, ma Gesù parla di qualità; basterebbe un po’ di fede, purché sia autentica.

In sintesi: la misericordia, necessaria al discepolo per superare lo scandalo e perdonare efficacemente, è quell’esperienza profonda di fede da cui scaturisce la missione al mondo, come testimonianza dell’amore gratuito di Dio.

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 8 Novembre 2021
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 8 Novembre 2021