Commento al Vengelo del 8 Dicembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

120

La festa in cielo.

Sono due i motivi che ci inducono a rassicurare la nostra vita in mezzo alle vicende a volte piene di dubbi e incertezze: Dio mi vuole salvo. Egli non gode della mia dannazione eterna, né del mio abbandono del suo amore. Se dovessi smarrirmi nella vita, egli viene a cercarmi, come farebbe un buon pastore per una pecorella che smarrisce.

Ma alla fine chi è questo pastore? E’ Dio stesso che attraverso il suo figlio viene a cercare l’umanità. Gesù il Cristo lascia il paradiso, le novantanove pecorelle, per cercare la centesima che è l’uomo, per cercare me, te, tutti, perché vuole condurre a conversione per poterci donare la vita eterna. San Paolo nella Lettera ai Romani prevede l’ingresso in massa degli ebrei nella Chiesa e allora esulta per la grande festa che si celebrerà. Questa festa sarà completa quando tutta l’umanità sarà riunita nel regno di Dio.

Nella contemplazione della bellezza di Maria ci sentiamo presi come da una nostalgia di quella innocenza di nostri progenitori. Questa nostalgia susciti in tutti noi un desiderio sempre più vivo nel custodire la nostra vita nella fedeltà alle promesse battesimali e di purificare la nostra coscienza con i mezzi di misericordia che la Chiesa offre alla nostra debolezza.

Ci guidi l’Immacolata nella via del pentimento per entrare sempre più pienamente nell’Amore misericordioso di Dio. Noi ne possiamo pregustare la dolcezza vivendo fedelmente la nostra fede fin da ora perché il regno di Dio è in mezzo a voi, dice Gesù.

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 8 Dicembre 2021
Articolo successivoFesta dell’Immacolata Concezione