Commento al Vengelo del 7 Maggio 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

43

Amarci a vicenda, come egli ci ha amati.

Amare significa voler bene di più. Gesù ci ha tanto voluto bene che ha dato la sua vita per noi. Questo è veramente l’amore più grande. Quando l’amore è vicendevole c’è anche l’amicizia. Gesù ci dice: “Voi siete miei amici”, e quindi ci impegna a rispondere al suo amore. Assolveremo a tale impegno quando cercheremo di conoscere e di fare la sua volontà.

Se ci sforzeremo di fare questo, noi non saremo né servitori di Cristo, né semplici suoi discepoli, ma suoi amici, per i quali Gesù ha dato la vita e ai quali comunica tutto ciò che ha udito dal Padre. E tali siamo diventati perché Gesù ci ha scelti…, ci ha comunicato il suo amore e la sua verità…, e ci ha inviati perché portiamo frutto…, ed esso sia duraturo…, e noi meritiamo di essere sempre arricchiti dei doni che chiederemo, nel suo nome, al Padre. Non stanchiamoci di chiedere quei doni… anzi… stanchiamo lui con le nostre preghiere.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 7 Maggio 2021 – Gv 15, 12-17
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 7 Maggio 2021