Commento al Vengelo del 6 Novembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

86

Non è possibile servire a due padroni.

Quando un padre smette l’amore per i propri figli, diventa per loro padrone, e dèspota e figli diventano, di conseguenza, sùdditi e schiavi. Non mancano nelle vicende umane storie di questo genere. Non solo gli uomini hanno il potere di soggiogare i propri simili, ma le cose del mondo e il denaro in modo particolare, esèrcita tale assurdo e subdolo potere.

Nasce così l’alternativa, la scelta che ognuno nella propria vita è chiamato coerentemente ad operare. Di questa scelta il Signore oggi ci parla, volendo innanzitutto, distoglierci dall’equivoco di non fare scelte e cadere così nell’intento disastroso di voler far coesistere in noi valori diversi e contrastanti. Rischiamo così una forma morbosa di schizofrenia personale e collettiva.

Gesù vuole svelarci il potere ingannatore che l’ “avere” esercita talvolta su di noi: può accaderci di diventarne schiavi e illusi dal suo fàscino bugiardo perché «ciò che è esaltato fra gli uomini è cosa detestabile davanti a Dio». Ciò anche perché l’animo umano, se non illuminato dallo Spirito, è insaziabile nella sue bramosìe.

Dio non è padrone, ma padre di noi tutti e ci vuole come figli, liberi dagli inganni e dalle seduzioni. Se scegliamo di servirlo possiamo godere, già in questa vita del suo amore e sentirci appagati e sazi nell’anima. I desideri migliori poi, noi credenti, li orientiamo nella speranza, verso i beni futuri, che non periscono perché eterni. Ecco, cerchiamo, con il nostro operare di scrivere il nostro nome nel Libro della vita.

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 6 Novembre 2021
Articolo successivoPaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 6 Novembre 2021