Commento al Vengelo del 5 Ottobre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

40

Qualcuno ti lascia solo a servire.

Marta e Maria, le due sorelle, in modi diversi, ma sicuramente con amore, accolgono Gesù nella loro casa. Marta è tutta intenta a prestare i servizi per rendere onore all’ospite divino. Maria siede ai suoi piedi affascinata dall’ascolto della sua Parola. Atteggiamenti diversi, che mirano però all’unico intento di prestare la migliore accoglienza al Signore.

Il lamento di Marta, che si sente sola a servire, è l’eco della storia di tanti filantropi e operatori di bene che stentano a capire che nella casa del Padre ci sono molte mansioni e diversi sono i doni e i carismi che ci vengono dati per operare nella sua messe. Non tutti, ancora oggi sono in grado di valutare il ruolo di tante anime, che, come Maria, sono ai piedi di Gesù, in una continua preghiera: ancora è frequente il lamento di molti affaccendati del mondo, che in modo più o meno palese, si lamentano e contestano i consacrati e le consacrate, che nel silenzio dei loro monasteri o conventi, spendono tutta la loro vita, intenti in modo esclusivo, alla contemplazione e alla preghiera.

Gesù ancora una volta direbbe che costoro si sono scelto “la parte migliore”, affermando concretamente il primato della preghiera. Molti motori dello spirito si muovono di fatto per quella divina energia che sgorga, per la preghiera di tante Marie, dal cuore stesso di Dio ed è la forza più potente ed efficace che smuove il mondo nella giusta direzione.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 5 Ottobre 2021
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 5 Ottobre 2021