Commento al Vengelo del 5 Luglio 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

72

Tu sei la mia forza, o Dio!

Leggi il brano del Vangelo di † Mt 9, 18-26

Gli ultimi brani del libro della Genesi, letti la scorsa settimana, secondo la visione evangelica, nostra, non erano proprio racconti edificante. A differenza da quello odierno che ci mostra Giacobbe in ben altra prospettiva. È, sì in fuga da Esaù (sempre per la benedizione carpita con l’inganno), ma verso una dimensione di scoperta del Signore che si presenta come Colui che salva: la benedizione ricevuta “automaticamente” passa ad uno stadio di responsabilità (“Se Dio sarà con me… il Signore sarà il mio Dio”).

La risposta di Giacobbe è quella della fede; di un affidarsi pienamente e completamente a Dio. Il voto che egli fa implica che la protezione di Dio lo accompagnerà fino a Carran, vale a dire ben oltre i confini del culto regionalistico. Infatti, c’era l’idea che la divinità avesse influenza soltanto nel territorio in cui riceveva onore. Un grande e accorato rapporto di fede lo si trova anche nel Vangelo in cui sia la fanciulla dodicenne che l’emoroissa ricevono la guarigione. Ma fede e guarigione, fede e miracolo vanno di pari passo? Sembrerebbe di sì! Anche se questa dinamica, basata sul “do ut des”, sembra creare degli eterni bambini.

E allora come superare l’impasse? La fede che nasce da momenti in cui il dolore e lo sconforto sembrano prendere il sopravvento, deve essere rinvigorita giorno per giorno, imparando ad amare e invocare Dio non solo nel dolore o nel momento di difficoltà, ma anche nella gioia, quando tutto va bene, ed è proprio questo che è difficile. Ogni momento della nostra vita vissuto in grazia è come il santuario che Giacobbe erige in Betel: è un passo verso la conoscenza di Dio ma per andare oltre, verso l’ignoto, confidando solo nel Signore “nostro rifugio e nostra fortezza”.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 5 Luglio 2021 – Mt 9, 18-26
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 5 Luglio 2021