Commento al Vengelo del 30 Luglio 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

146

E non fece molti miracoli…

Leggi il brano del Vangelo di † Mt 13, 54-58

Nel Vangelo di oggi abbiamo una reazione all’insegnamento di Gesù. L’evangelista Matteo precisa dove nasce questa contestazione. Non nelle strade, non tra il popolo dove Gesù ha operato, guarito, consolato e perdonato i peccatori. Nasce nella sinagoga, dove Gesù ha la pretesa di insegnare.

La classe colta, che non comprende l’insegnamento di Gesù, è quella che si dimostra più restia ad accettare il suo messaggio di salvezza. Gesù non viene attaccato sul contenuto del suo insegnamento ma disprezzato per le sue umili origini; Egli non proviene dalla classe sacerdotale e vuol pretendere di insegnare la sua dottrina nella sinagoga?!

Può capitare anche a noi di non voler accettare un consiglio o un insegnamento. Può, allora succedere che siamo tentati a colpire quelli che riteniamo i nostri avversari sul piano personale. Gesù invece ci insegna a non disprezzare ciò che ci sembra umile. E’ l’invito a non giudicare dalle apparenze e nel saper accettare tutti senza nessun pregiudizio.

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 30 Luglio 2021 – Mt 13, 54-58
Articolo successivoPer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 30 Luglio 2021