Commento al Vengelo del 3 Marzo 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

2

L’annuncio della Passione.

La brama di occupare i primi posti e di avere il potere non è conforme al Vangelo. Gesù è venuto a capovolgere la situazione, è venuto per essere consegnato alle autorità e per affrontare la grande prova della Passione. Tre volte Gesù prepara e annuncia agli Apostoli il suo destino a Gerusalemme. E ogni volta nel Vangelo si ripete lo stesso contrasto: i discepoli hanno altri pensieri, non capiscono, non riflettono su ciò che Gesù presenta con chiarezza, ma pensano alla soddisfazione della loro ambizione, del loro desiderio umano.

Dopo il primo annuncio è Pietro che si scandalizza dicendo a Gesù: “Questo non ti accadrà mai”; la seconda volta “i discepoli discutono su chi di loro è il più grande; dopo il terzo annuncio sono i figli di Zebbedeo a presentare lo loro domanda ambiziosa tramite la madre. Nel Vangelo Gesù ha parlato di umiliazioni e gli Apostoli domandano onori, domandano posti privilegiati. Questo ci dimostra che la passione era necessaria per cambiare il cuore dell’uomo: le parole, neppure quelle di Gesù bastano. Nonostante gli insegnamenti buoni del Signore, spesso crescono in noi pensieri non buoni, pensieri di orgoglio, di egoismo.

Cristo sceglie per sé e indica a noi il cammino dell’obbedienza, dell’umiltà, del sacrificio. Tutto questo ci torna come eco dell’antica profezia di Geremia in cui egli predice il servo sofferente che intercederà per il popolo e si renderà disponibile a portare su di sé il peso delle loro colpe. Apriamo il nostro cuore alla passione di Gesù, comprenderemo la vera gioia, la vera gloria, la vera vita: servire, fare la volontà non la nostra, ma la volontà del Padre, fino a sacrificare noi stessi per il Signore. Proviamo ad impegnarci di più in questa nostra quaresima per poter rispondere sempre meglio alla nostra vocazione.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash