Commento al Vengelo del 3 Dicembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

94

Per riavere la vista.

Ci pènetrano nel profondo le urla dei due ciechi del vangelo di oggi: il buio degli occhi e, ancor più quello dell’anima, creano lo strazio interiore, quello che indùce appunto a urlare, a chiedere pietà. Gesù aveva già dichiarato che lo scopo della sua venuta, come aveva profetato Isaia, è quello di ridare la vista ai ciechi.

Fa sì che i due si accostino a lui…, è il primo passo da fare per riaprirsi alla luce…, è cerca di far scaturire dal loro buio il chiarore della fede e li interroga: «Credete voi che io possa fare questo?» Il loro “sì” fiducioso fa sgorgare dal Cristo il dono della vista e la pienezza della fede: «Sia fatto a voi secondo la vostra fede». E si aprirono loro gli occhi.

Coloro che sono gratuitamente beneficiati dal Cristo, coloro che hanno il dono della fede non possono e non debbono tacere. Così hanno fatto i due illuminati da Cristo, così affermavano i primi apostoli, così anche «noi non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato». Per chi crede deve essere necessario, urgente rendere testimonianza di quanto ha ricevuto.

Chiedere, ricevere, ringraziare… Sono tre verbi che vanno sempre insieme, specie davanti a Dio.

Articolo precedentep. Bruno Oliviero (padre Elia) commenta il Vangelo del 5 Dicembre 2021
Articolo successivoCatechisti Parrocchiali – Commento al Vangelo del 5 Dicembre 2021 per bambini e ragazzi