Commento al Vengelo del 29 Aprile 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

75

La vergine saggia e sapiente.

Nel vangelo festivo che la liturgia ci presenta oggi possiamo intravvedere la grande santa senese come la vergine saggia e prudente, che in attesa dell’incontro con lo Sposo divino, ha preso con sé la lampada e si è munita anche di olio. In questa parabola evangelica possiamo scoprire tutte le preclari virtù che hanno adornata la patrona dell’Europa. Lei è la donna sapiente, che ha compreso appieno l’essenza della religiosità autentica: ha dedicato tutta la sua vita ad un incontro personale con Cristo, si è lasciata umilmente illuminare dalla luce radiosa dello Spirito Santo e ha trovato nell’amore al Signore la realizzazione piena della sua vita.

Abbondando così di olio, ha tenuto costantemente accesa la sua lampada, anche nel cuore della notte del mondo, e ha saputo irradiare la sua luce a tutto il mondo ecclesiastico e civile del suo tempo. Aveva appreso la vera sapienza e la vera prudenza, non dai libri, ma dal cuore stesso del suo Sposo divino, dalla fonte stessa della verità e della vita. Si è trovata pronta all’incontro con lui e la lampada luminosissima della sua vita, ha riflesso luce ovunque e a tutti. Ha squarciato le tenebre della notte del suo tempo e ancora ai nostri giorni, con i suoi scritti, con i suoi esempi con la sua intercessione irradia luce di sapienza, e ci si mostra come modello sublime di vita e come celeste patrona.

Lei ci ricorda che è da stolti restare senza olio, affondare nel buio e mancare all’appuntamento con il Signore. Ci indica ancora la fonte inesauribile della vera sapienza e soprattutto alle donne di ogni epoca, addìta i motivi profondi per affermare e difendere la propria dignità. Indica a tutti di non cedere alla facile tentazione di confidare nelle proprie forze per non cadere nell’illusione di un superficiale perbenismo. Restare al buio e privi di olio, vedersi esclusi dal convito dello sposo per un colpevole ritardo è un grave peccato che guasta la vita di molti. Essere sempre pronti, con le lampade accese è la virtù del viandante sapiente e saggio, è la virtù del cristiano vero.

Santa Caterina da Siena, prega per noi!

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 29 Aprile 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 29 Aprile 2021 – Don Francesco Cristofaro