Commento al Vengelo del 28 Maggio 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

70

Siamo uomini di preghiera?

La liturgia della parola della feria di oggi ci invita a fare l’elogio di uomini illustri non solo dell’Antico testamento ma anche dei testimoni della fede, dei santi che in modi e tempi diversi hanno saputo dare testimonianza eroica di amore al Signore.

Il brano del vangelo ci invita a portare frutto nella vita per non avere la sorte del fico infruttuoso, come anche di far sì che i nostri corpi, tempio della divinità, non siano profanati da pensieri, da affetti, da comportamenti che sono in contrasto con la presenza di Dio in noi. Ma tutto questo suppone una fede forte, capace di dare un vero significato alla nostra vita.

Nella nostra debolezza e fragilità ci saranno di grande conforto e incoraggiamento le parole rassicuranti di Gesù: “Tutto quello che domanderete nella preghiera, vi sarà accordato”. Ma… siamo davvero uomini di preghiera?

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 28 Maggio 2021 – Mc 11, 11-26
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 28 Maggio 2021