Commento al Vengelo del 27 Marzo 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

7

I capi dei giudei decidono di uccidere Gesù.

Era vicina la Pasqua dei Giudei e molti dalla regione andarono a Gerusalemme prima della Pasqua per purificarsi. Essi cercavano Gesù e stando nel Tempio dicevano tra di loro: «Che ve ne pare? Non verrà egli alla festa?». E’ veramente strano: il miracolo compiuto da Gesù avrebbe dovuto portare a credere in lui, come l’inviato dal Padre, invece per i suoi nemici egli diventa incentivo di odio e di vendetta.

Più volte Gesù aveva rimproverato i Giudei la malafede di chiudere gli occhi per non vedere. Infatti a causa del miracolo si approfondisce la divisione tra loro. Molti credono. Altri ne informano i farisei, suoi nemici giurati. Viene convocato il sinedrio e c’è una grande perplessità. Neppure gli avversari di Gesù possono negare il fatto del miracolo.

Ma invece di trarne l’unica conclusione logica, riconoscerlo cioè come l’inviato dal Padre, temono che la diffusione dei suoi insegnamenti sia di danno alla nazione, travisando le intenzioni di Gesù. Temono la perdita del tempio. Càifa, somma sacerdote, sa come fare. Il suo suggerimento deriva da considerazioni di origine politico: il singolo deve essere “sacrificato” per il bene di tutti.

Non si tratta di accertare quale sia la colpa di Gesù. Senza saperlo e senza volerlo, il sommo sacerdote, con la sua malvagia decisione, diventa strumento della divina rivelazione. Dio non permette che si perda uno dei suoi figli, anche se di fronte all’opinione umana appare perdente: manderà piuttosto i suoi angeli ad aiutarlo.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash