Commento al Vengelo del 26 Ottobre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

59

Un granellino che cresce un lievito che fermenta.

I regni di questo mondo legano il loro prestigio alla grandiosità, al fasto, alla potenza; ci stupisce perciò sentire Gesù che parla del Regno di Dio paragonandolo ad un granellino di senapa, inizialmente piccolissimo, quasi invisibile, ma che, posto nel terreno fecondo, diventa quasi albero.

È ancora più suggestiva l’immagine del lievito, che in piccolissima quantità, mescolato alla farina, la fa tutta fermentare. Vengono così demolite tutte le false idee che istintivamente possiamo farci di Dio e delle sue manifestazioni. Egli, pur nella sua immensità e perfezione, si cela in ciò che è piccolo agli occhi degli uomini, perché lo riconoscano, non nella spettacolarità, che tanto ci affàscina e ci tenta, ma alla luce della fede, dentro i suoi misteriosi silenzi, e nella sua sconcertante umiltà.

La crescita graduale del Regno è scandita non dalla nostra spasmodica fretta e neanche dalle nostre mire di espansione e di crescita, ma unicamente dai i suoi tempi e dai suoi disegni divini. Gesù ci lascia intendere che il Regno di Dio è già presente in mezzo a noi, è presente nella sua persona e ancor più nell’opera redentiva che egli sta operando per tutti.

Vuole dirci però che l’affermazione piena la possiamo percepire e vivere soltanto in una prospettiva di personale santificazione e di eternità.

Articolo precedentep. Enzo Fortunato: E se tornasse Gesù?
Articolo successivoPaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 26 Ottobre 2021