Commento al Vengelo del 26 Luglio 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

108

Scrutare il piano di Dio

Leggi il brano del Vangelo di † Mt 13, 31-35

La memoria dei genitori di Maria di Nazareth, non è una pia devozione, ma, seguendo la liturgia, è un modo per riflettere sulle radici della nostra salvezza. Essa, infatti, non è qualcosa che accade all’improvviso e senza nessuna preparazione, ma tutto avviene con gradualità.

Scopriamo, quindi, che Dio ha educato il suo popolo ed ha chiamato persone (i re, i profeti, i sacerdoti) perché più da vicino collaborassero alla sua opera, ha cercato gente semplice perché comprendesse appieno i suoi disegni, ha ordinato tutto secondo il bene e la realizzazione del suo progetto.

Capire questo, vuol dire considerare i santi, come quelli proposti oggi, nell’ottica di Dio e non in una mera prospettiva umana: non sono solo intercessori, ma persone concrete che hanno vissuto la loro storia personale e sociale leggendo tutto in una prospettiva di fede, nella speranza di vedere la salvezza.

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 26 Luglio 2021 – Mt 13, 31-35
Articolo successivoPer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 26 Luglio 2021