Commento al Vengelo del 25 Ottobre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

79

Guardare gli eventi alla luce dello Spirito.

Genera sconforto e irritazione il comportamento assurdo del capo della sinagoga che si indigna nel vedere Gesù, che di Sabato, impone le mani e guarisce una povera donna afflitta da diciotto anni da un terribile male. Egli la proclama libera dalla sua infermità e le impone le mani.

La reazione della donna “raddrizzata” miracolosamente è quello di glorificare Dio, la reazione del capo della sinagoga è una critica assurda e cieca nei confronti del Cristo. Nella sua ottusità e grettezza, citando a sproposito la Scrittura, dichiara che ci sono sei giorni in cui si deve lavorare e non in giorno di “shabbàth”.

Il Signore definisce da ipocriti tale comportamento e tale giudizio. Quanto Gesù ha fatto non può assolutamente essere paragonato al lavoro umano; Egli sta rivelando ancora una volta la centralità della sua missione nei confronti dell’uomo infermo e peccatore. Egli è colui che guarisce e colui che salva. Lo dichiarerà più esplicitamente in altre occasioni: “Mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e compiere la sua opera” e altrove dice: “sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato”.

Capita ancora di sentire e leggere critiche assurde e talvolta blasfeme nei confronti di Cristo, della Chiesa, dei suoi ministri e dei suoi fedeli: molto spesso si costàta che il lucignolo della ragione umana vorrebbe giudicare e condannare la Luce stessa di Dio! La ragione umana invece si spiega e si capisce solo nella Luce di Dio.

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 25 Ottobre 2021
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 25 Ottobre 2021