Commento al Vengelo del 25 Novembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

46

Sulla distruzione di Gerusalemme.

La profezia di Gesù, riportata da San Luca, si riferisce ad eventi storici precisi: la distruzione del Tempio avvenuta nel 70 d.C. da parte dell’imperatore romano Tito.

La concordia degli evangelisti, seppur con diverse sfumature, nel riportare queste parole di Gesù è chiaro indice che Gesù stesso aveva senz’altro previsto quest’episodio e lo aveva, però, inserito nel grande Mistero della sua morte e passione. La storia di Israele è letta, quindi, alla luce dell’evento e degli insegnamenti di Gesù.

Noi, oggi, dovremmo chiedere al Signore perché ci doni questa stessa sapienza per poter leggere la nostra storia nel Mistero di Cristo. Il riferimento a basi certe e sicure della nostra vita comporterà sicuramente, quindi, una conversione piena perché la nostra vita sia pegno della Pasqua Eterna, che è la nostra unica meta sicura.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 25 Novembre 2021
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 25 Novembre 2021