Commento al Vengelo del 24 Settembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

63

Chi sono Io?

Voci diverse e contrastanti parlano di Gesù: la voce stonata di Erode, le dicerìe e le chiacchiere della gente, le false insinuazioni degli scribi e dei farisei, nemici dichiarati del Cristo. In un momento di intimità e di preghiera, in un luogo appartato, lontano dalle voci e dai rumori del mondi, lo stesso Signore rivolge ai suoi la domanda: “Chi sono Io secondo la gente?”

Egli aveva detto loro: “A voi è dato di conoscere i misteri del regno dei cieli” (Mt 13,11), si attende perciò una risposta diversa, sicura e difatti l’ottiene per bocca di Pietro, che prendendo la parola risponde: “Il Cristo di Dio”. Gesù a sua volta dirà: “Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l’hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli”.

Comprendere la piena verità di Cristo non è frutto del sangue e della carne, ma dono di Dio mediante la fede. Tale dono dovremmo chiedere incessantemente anche per noi.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedenteSr. Mariangela Tassielli – Commento al Vangelo di domenica 26 Settembre 2021 per bambini/ragazzi
Articolo successivoCommento al Vangelo del 26 Settembre 2021 – S.E. Mons. Mario Russotto