Commento al Vengelo del 23 Ottobre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

97

Purificati da Cristo anche nel corpo.

“Non c’è più nessuna condanna per quelli che sono in Cristo” – ci dice San Paolo. Quello che non era possibile alla legge, causa del peccato e delle nostre stridenti contraddizioni, “Dio lo ha reso possibile mandando il proprio figlio”, il quale ha preso la nostra carne di peccato e l’ha purificata con la sua carne, immolata sulla croce e resa cibo che rinnova e santifica la nostra.

Siamo così deificati in Cristo e di conseguenza resi finalmente capaci di vivere non più secondo i desideri della carne, ma dello spirito: abbiamo così ripreso fiato, abbiamo ripreso quell’alito divino che sin dalle origini ci qualificava come figli di Dio, fatti a sua immagine e somiglianza.

Nella prospettiva della fede non è più possibile interpretare gli eventi umani, anche quelli più catastrofici come castigo divino, ma solo come mònito alla nostra negligenza e sollecitazione paterna ad una vera ed efficace conversione. La nostra vita, resa feconda da Cristo stesso, deve produrre frutti di vita e di santità.

Dio è un agricoltore paziente, ma non può soprassedere all’infinito, noi siamo indissolubilmente legati al tempo che ci è dato per aderire a Dio e conseguire la salvezza.

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 23 Ottobre 2021
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 23 Ottobre 2021