Commento al Vengelo del 22 Giugno 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

122

La regola d’oro.

Leggi il brano del Vangelo di † Mt 7, 6.12-14

Tra i tanti ammonimenti e raccomandazioni che ci ha lasciato Gesù vi è anche la “regola d’oro” con la quale egli vuole ordinare il nostro mutuo rapporto. Un’attenzione maggiore verso il prossimo e considerare sempre la dignità d’ogni essere umano ci aiuterà a non avere posizioni e atteggiamenti di superbia. In più, Gesù c’invita a meditare sempre e in tutto quello che facciamo, per essere più pronto e disponibile verso le altrui necessità: tutto ciò ci viene insegnato con la “regola d’oro”.

Questa è la Legge dei Profeti, ci dice Gesù, perché già presente nell’Antico Testamento che però Gesù stesso ci offre in una diversa chiave di lettura. Egli usa la “regola d’oro” nella sua proposizione positiva quasi ad indicare il valore nuovo e alto che Egli stesso conferisce alla legge antica, tramandata dai profeti.

Tutti i suoi insegnamenti hanno quindi questa valenza “positiva” perché servono tutti per lo stesso scopo: migliorare la nostra vita spirituale e migliorare il nostro rapporto con gli altri. Pertanto: Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 22 Giugno 2021 – Mt 7, 6.12-14
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 22 Giugno 2021