Commento al Vengelo del 21 Giugno 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

94

…perché come giudicate sarete giudicati…

Leggi il brano del Vangelo di † Mt 7, 1-5

E’ molto facile esprimere dei giudizi severi e pretendere una coerenza assoluta nelle azioni: quando si tratta di valutare le “altrui” azioni. La maggior parte delle volte la stessa severità che si vuole negli altri non la chiediamo a noi stessi. Gesù ci invita al cammino opposto e ci esorta al miglioramento dei nostri comportamenti.

Questo atteggiamento deve nascere da un profondo rinnovamento spirituale, interiore. Un’attenzione maggiore, poi, alle nostre azioni e alle nostre parole ci condurrà certamente ad atteggiamenti più sereni ed equilibrati verso il nostro prossimo. Così, tanti difetti insopportabili, che possono rovinare le relazioni interpersonali, ci sembreranno non così importanti.

Ciò è quel che ci chiede Gesù quando ci dice di togliere la trave dal nostro occhio e in pratica di purificare il nostro sguardo verso il mondo e chi ci sta vicino!

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 21 Giugno 2021 – Mt 7, 1-5
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 21 Giugno 2021