Commento al Vengelo del 20 Ottobre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

100

La vita come una missione da compiere.

Come è narrato nella scrittura sacra, sin dal principio, il buon Dio ha affidato all’uomo una missione; lo ha fatto somigliante a sé, lo ha dotato di intelligenza e di volontà e a ognuno ha dato dei talenti speciali da far fruttificare con l’umile e docile servizio allo stesso Signore. Gesù, servitore del Padre, adempie perfettamente la sua missione, accettando la passione, il Calvario, la croce e le morte.

I due servi del Vangelo di oggi hanno un comportamento diverso l’uno dall’altro. C’è il servo vigilante, che attende il ritorno del suo padrone, vivendo in piena fedeltà al mandato ricevuto. Egli è un docile esecutore degli ordini ricevuti. Riferendoci ad un’altra parabola, potremmo dire che è colui che ha fatto fruttificare a dovere i talenti ricevuti.

L’altro servo, che non ha interiorizzato gli ordini ricevuti e non li vive come un dono di fiducia da parte del Signore, vive in piena autonomia, il padrone è lontano e non solo fisicamente, e quindi si sente di fatto libero di agire a proprio piacimento. Verrà sorpreso in questo atteggiamento di infedeltà e di distacco e dovrà subire l’inevitabile condanna. Si perde di vista il Signore e lo si ritiene molto lontano e disinteressato alle nostre vicende, quando la fede si spegne e la vista dello spirito si offusca.

Chiediamo perché in questi tempi di caligine del mondo la luce di Cristo illumini le nostre azioni, e noi, a nostra volta, possiamo illuminare il mondo con la luce vera, quella che proviene da Cristo risorto.

Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 20 Ottobre 2021
Articolo successivoPresentazione della nuova App di preghiera del Papa, Click To Pray 2.0 e del sito web di preghiera per il Sinodo