Commento al Vengelo del 20 Novembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

34

Il Dio dei vivi.

“Se non esiste risurrezione dai morti, neanche Cristo è risuscitato!”. È una solenne affermazione di San Paolo nella lettera ai Corinzi. Lo stesso apostolo aggiunge che se Cristo non è risorto è vana la nostra fede, e arriva a dirci: “Se poi noi abbiamo avuto speranza in Cristo soltanto in questa vita, siamo da compiangere più di tutti gli uomini”.

I sadducèi non credevano nella risurrezione e immaginavano la vita futura come una continuazione più o meno aggiornata di quella presente. Con questa convinzione pongono a Gesù la domanda sulla sorte futura di una donna che aveva avuto ben sette mariti e da nessuno di essi aveva avuto figli: “Questa donna dunque, nella risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie”. Gesù non svela appieno i segreti della vita eterna: “i segreti di Dio nessuno li ha mai potuti conoscere se non lo Spirito di Dio”.

L’apostolo Giovanni afferma: “Carissimi, noi fin d’ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato. Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato, noi saremo simili a lui, perché lo vedremo così come egli è”. Il Signore però non manca di informarci sufficientemente circa la nuova dimensione di vita che sperimenteremo in Dio: “I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni dell’altro mondo e della risurrezione dai morti, non prendono moglie né marito; e nemmeno possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, essendo figli della risurrezione, sono figli di Dio”.

Questa è la nostra fede, è l’orientamento di tutta la nostra esistenza, il Regno di Dio. Tutto l’altro, incluso il matrimonio, è quel che ci deve aiutare a realizzare l’obiettivo: la vita eterna.

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 20 Novembre 2021
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 20 Novembre 2021