Commento al Vengelo del 20 Aprile 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

212

Stefano modello di fede autentica.

Nel sacramento di Battesimo, dove ha operato la Pasqua di Gesù, abbiamo ricevuto una grazia che deve crescere. Aumenterà il distacco dal peccato, la liberazione interiore, e così potremo ereditare i beni promessi, cioè la vita eterna, alla quale Dio ci ha aperto l’ingresso proprio a partire dal lavacro battesimale che ci ha resi suoi figli.

Il mistero di questa verità lo esprime oggi diacono Stefano nella prima lettura. Con la lucidità e la forza, che gli provengono dallo Spirito Santo, egli esprime un giudizio rigoroso e pertinente su quanti hanno messo a morte Gesù. La chiusura del cuore e il tradimento del resto hanno accompagnato tutta la storia del Popolo di Dio. Il santo diacono non teme la reazione dei suoi, con tutte le conseguenze, inclusa la lapidazione e la morte: sostenuto dalla fede e dalla visione di Gesù risorto, rinnova in sé la passione e l’atteggiamento di perdono del Crocifisso e come lui dalla Croce pare dire “non sanno quel che fanno.

Noi, forti dello Spirito Santo e soprattutto dell’Eucaristia, di cui la manna non fu che un anticipo, un’allusione del vero pane del cielo, possiamo affrontare lo stesso combattimento spirituale. Questi è Gesù, e viene dato dal Padre, come fonte di vita per gli uomini. Il grande prodigio, che la fede sa cogliere e ammirare, è Lui.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2021 – Gv 6, 30-35
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2021