Commento al Vengelo del 20 Agosto 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

123

Il primo dei comandamenti.

La frantumazione della Legge antica aveva fatto degenerare in uno sterile formalismo la religiosità del popolo d’Israele. Finalmente c’è qualcuno che cerca l’essenziale e vuole scoprire una gerarchia nella selva dei precetti: “Maestro, qual è il più grande comandamento della legge?” L’interrogante non è mosso proprio da zelo autentico; è un dottore della Legge che ritiene ancora una volta di mettere in imbarazzo il Signore. La richiesta conserva comunque tutta la sua validità ed importanza.

Gesù, sapendo di parlare con un fariseo, riprende un testo del Deuteronomio, dove è contenuta la Toràh, il cammino della vita. Secondo Gesù tutto s’incentra nell’appello all’amore a Dio e al prossimo: «”Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti». È un’anticipazione del comandamento nuovo che lo stesso Gesù scandirà e non solo a parole. Ci appaiono evidenti le motivazioni teologiche del comando del Signore: Dio è amore nella sua essenza, egli è il nostro creatore e Signore, ci ha creati per sé, per amore e ci ha quindi legati a sé con vincoli indissolubili da vivere, sperimentare e godere nel tempo e nell’eternità.

Creatore e creatura, come genitore e figlio, istintivamente, salvo aberranti deviazioni, sono uniti dall’amore. Quando poi prendiamo coscienza che quell’amore si spinge fino all’immolazione, al dono della vita in una ineguagliabile passione, fino alla morte, il bisogno di ricambiare quell’immenso dono diventa urgenza insopprimibile. Facciamo un prodigioso passaggio dalla somiglianza connaturale, impressa in noi con la creazione, a quella soprannaturale scaturita dalla redenzione. Non siamo quindi più schivi ed estranei di Dio, ma figli ed eredi e come tali abbiamo l’onore e l’ardire di chiamarlo con l’appellativo di Padre.

È poi normale che in lui ci scopriamo anche fratelli, essendo figli dell’unico Signore che sta nei cieli. Accomunàti dall’unica fede, amati dall’unico Padre, in cammino verso lui insieme come umanità e come Chiesa, la nostra fraternità non può non essere vissuta che nell’amore, in Dio, nostro Padre, Padre di tutti. Prendiamone coscienza e viviamo di conseguenza…

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 20 Agosto 2021 – Mt 22,34-40
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 20 Agosto 2021