Commento al Vengelo del 19 Settembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

92

Avevano discusso tra loro chi fosse il più grande.

Gesù ha scelto gente comune tra i suoi discepoli. Persone che hanno tutte le ambizioni umane, che non sono ancora completamente partecipi del suo Mistero d’amore. In loro prevale ancora una mentalità legata all’individualismo. Non era in loro la piena comprensione del messianismo di Gesù che oltrepassa le aspettative politiche per inserirsi in un messaggio universale di amore e misericordia.

Gesù comprende questo loro atteggiamento; non lo critica apertamente, del resto ancora dovevano vivere il Mistero della passione e resurrezione ma pure ciò non Gli impedisce di approfondire il suo insegnamento. Usa un bambino e lo pone a modello del suo insegnamento. Egli, vero uomo e vero Dio, si è fatto piccolo nella natura umana e chiede che anche noi, nella nostra limitatezza, dobbiamo diventare piccoli come Lui, per partecipare alla sua natura divina.

E’ l’insegnamento per noi che stentiamo ad entrare in profondità nel suo Mistero di amore; forse perché troppo affannati dai diversi impegni della vita. E’ un momento di riflessione pacata che vuol portare luce sulla nostra vita, forse troppo disordinata. E’ un richiamo alla nostra essenzialità umana che trova, nel messaggio evangelico, la sua espressione migliore. E’ una esortazione a comprendere più a fondo il mistero della sua Morte e Resurrezione.

E’ un invito eucaristico ad apprezzare le cose piccole e trovare in esse la scintilla d’amore che Dio ha posto in tutto il suo creato. Riscopriamola!

Articolo precedentedon Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 19 Settembre 2021
Articolo successivoLucia Vantini – Commento al Vangelo di domenica 19 Settembre 2021