Commento al Vengelo del 17 Novembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

42

I talenti: oltre i calcoli umani.

Siamo i depositari dei beni di Dio. Egli ci ha colmato di doni, primo fra tutti quello prezioso della libertà. «Grandi cose ha fatto il Signore per noi!», esclamavano colmi di riconoscenza gli antichi cantori. I talenti o le mine di cui parla il vangelo di oggi, questo ci ricorda e ci ammonisce che dobbiamo sentire impellente il dovere di far fruttificare con tutta la nostra vita i doni ricevuti.

Un albero stèrile, un tralcio che si priva della linfa dalla vite, è inevitabilmente condannato ad essiccare, ad essere tagliato e gettato nel fuoco. La fedeltà a questo sacrosanto impegno non può mai venir meno, neanche quando ci pare che colui che ce lo ha elargito gratuitamente è lontano da noi. Non dovremmo mai dimenticare che saremmo sottoposti ad un giudizio. Non ci giustifica neanche la paura di perderli perché i doni di Dio, di loro natura, sono sempre fecondi.

Dipende soltanto da noi far sì che si moltìplichino per la gloria di Dio, per la nostra personale santificazione e per il bene del nostro prossimo. Questa è la via che sconvolge poi i nostri calcoli e ci stupisce: tutto ciò che non viene fatto fruttificare viene dato a chi ha operato giustamente e ha moltiplicato le dieci mine, e ciò affinché anche quella mina inutilizzata, perché riposta nel fazzoletto, possa essere resa fruttuosa.

I beni di Dio, i doni, i carismi, non sono destinati esclusivamente a noi debbono essere sparsi come un buon seme che porta molto frutto. Ridiamoli, restituiamoli a chi ne ha bisogno.

Articolo precedenteContemplare il Vangelo del 17 Novembre 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 17 Novembre 2021 – Don Francesco Cristofaro