Commento al Vengelo del 15 Marzo 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

159

Ti esalto Signore…

Ripetuto nel cuore il ritornello del salmo responsoriale: “Ti esalto, Signore, perché mi hai risollevato”. E’ una preghiera di liberazione e di ringraziamento che sgorga dal cuore di un pellegrino pentito e convinto del suo Creatore. Dopo una dura prova di vita, adesso manifesta liberamente la sua disponibilità, la sua adesione totale a Dio. Con questa preghiera, il pellegrino ritorna alla sua vita d’origine, ricostruisce la sua Alleanza. E’ un uomo maturo, coraggioso e pieno di fede.

Ha sperimentato che fuori del Signore: tutto è vanità. La sua preghiera invita gli amici a fare la stessa esperienza con lui. La fede è al centro della sua preghiera e anche la via della salvezza. In questa preghiera di ringraziamento troviamo un punto d’unione nel Vangelo odierno, cioè un funzionario angosciato che prega il Signore Gesù Cristo di scendere a guarire suo figlio. La preghiera e la fede di quel padre spalancano le porte al mistero di Dio. Cristo è a tu per tu con la malattia, la sofferenza, la morte.

Egli affronta la miseria dell’umanità. Egli cura, sana l’uomo con la sua Parola. “Va, tuo figlio vive”. Gesù ha la Parola di Verità e di risurrezione. Ecco sant’Ireneo che diceva: “La gloria di Dio è l’uomo vivente”. Cristo ci dimostra la verità della sua missione sulla terra: egli è venuto a cercare non i sani ma i malati. Cristo è il sacramento di Dio, sacramento della fede e della restaurazione. In questa linea Cristo attende da noi una fede coerente e sicura che ci dà la garanzia.

Quell’uomo ha avuto la forza di credere alla parola di Gesù: sulla sua parola io cambio il mio atteggiamento, non persisto più. Tuttavia Gesù parla al nostro cuore, ci ripete: “Abbi fiducia”. Ogni croce con Cristo conduce alla risurrezione. Se crediamo, allora il progresso nella fede è possibile, è garantito.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 15 Marzo 2021
Articolo successivodon Franz Pesce – Commento al Vangelo di domenica 14 Marzo 2021