Commento al Vengelo del 13 Maggio 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

32

La tristezza che si cambierà in gioia.

“Voi piangerete e vi rattristerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete afflitti, ma la vostra afflizione si cambierà in gioia”. Solo alla luce della storia di Cristo e della sua Chiesa ci è dato di comprendere il significato recondito di queste parole di Cristo, che risuonano ancora come paradosso e piene di contraddizioni.

Il pianto e l’afflizione, nella nostra esperienza umana, sono sempre generati da uno stato di malessere interiore, dal sentirsi inadeguati dinanzi agli impegni della vita, da tutto ciò che contraddice ed ostacola le nostre migliori aspirazioni, ma nessuno di noi è in grado di tramutare la tristezza in gioia e l’afflizione in gaudio. Gesù velatamente fa riferimento alla sua passione, alla sua morte, al suo pianto, ma vuole orientarci verso la gioia della risurrezione, della sua e nostra pasqua.

Vuole dirci ancora una volta che misteriosamente, per un disegno arcano di Dio, tutta la fatica dell’uomo, tutto il peso della vita, tutto il dolore del mondo è ormai definitivamente innestato al sacrificio di Cristo, da cui attingiamo, liberati dal peccato, la vera gioia e la definitiva salvezza. Ci parlano di ciò, dopo Cristo, la schiera innumerevole dei santi e dei martiri.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedenteAzione Cattolica – Commento al Vangelo di domenica 16 Maggio 2021
Articolo successivoWebinar – Cibo per la Vita, Giustizia Alimentare, Cibo per Tutti