Commento al Vengelo del 12 Maggio 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

85

Lo Spirito vi guiderà nella pienezza della verità.

Gesù rinnova ai discepoli la promessa del Consolatore, come “Spirito di verità”, la cui funzione sarà quella di ricordare ciò che egli “ha già manifestato” e quello che ora non possono capire. “Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di poterle accogliere come sono. Quando verrà lo Spirito di verità, vi guiderà nella pienezza della verità”.

La verità completa la dobbiamo intendere anche in modo qualitativo. Si tratterebbe quindi d’una comprensione in profondità, d’una penetrazione del mistero della persona di Cristo, della sua opera, della sua morte, della sua missione redentiva universale. Tutto questo non poteva essere compreso allora dai discepoli. Più tardi, alla luce dello Spirito, nel corso della storia della Chiesa, la verità si farà sempre più strada. La funzione mediatica dello Spirito tuttavia “non parlerà da sé, ma prenderà del mio”.

Una conferma, dunque, del ruolo dello Spirito, che è quello non di darci una nuova rivelazione, ma di rendere viva e attuale la rivelazione nei tempi degli uomini. “Dirà tutto quello che avrà udito e vi annunzierà le cose che verranno”. L’azione dello Spirito è rivolta non solo al prima di Gesù, ma anche al presente e al futuro della storia della Chiesa e del mondo. Questo brano di Vangelo fu davvero una splendida predizione. Ci traccia una strada. Ci dice che non dobbiamo vivere di opinioni personali o collettive.

Lo Spirito ci sarà sempre guida “nella pienezza della verità”, compiendo in ciascuno di noi, in comunione con tutta la Chiesa, quasi una nuova rivelazione, guidandoci nella lettura dell’antica, unica ed immutabile rivelazione biblica: immutabile, ma non ferma; anzi, in cammino ed in continua crescita.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedentedon Alberto Ravagnani – Non sono solo PAROLE: “se parli meglio, vivi meglio”
Articolo successivodon Alfonso Giorgio – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2021