Commento al Vengelo del 12 Luglio 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

103

Tra la pace e la guerra…

Leggi il brano del Vangelo di † Mt 10,34-11.1

Spesso noi cristiani veniamo visti dall’esterno come coloro che dovrebbero essere buoni, mansueti, tranquilli, come pecore condotte al macello. Oggi dalla bocca di Gesù sentiamo tutt’altro che pace e mansuetudine… Fuoco, guerra, spada, divisione…

Sì, i cristiani devono essere pronti anche ad essere come le pecorelle, senza aprire la bocca, ma proprio per questo devono essere inamovibili nell’ascoltare ed eseguire l’insegnamento di Cristo. Con il loro comportamento devono essere la divisione tra il peccato e il bene, devono bruciare, scottare con il loro esempio di vita, tagliare come la spada con il peccato, con coloro che non vogliono tornare alla retta via.

Chi ama il padre e la madre… più di me, non è degno di me. Chi non prende la sua croce e non mi segue non è degno di me. Ma la ricompensa è infinitamente sovrabbondante: chi accoglie i Suoi discepoli, chi accoglie coloro che credono in lui, proprio perché credono in lui, vivrà con il Padre, in eterno.

E nulla andrà perduto: anche un bicchiere d’acqua dato per amore suo, avrà la sua ricompensa. Sei tu il Suo testimone?

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 12 Luglio 2021 – Mt 10, 34-11 1
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 12 Luglio 2021