Commento al Vengelo del 11 Settembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

52

L’uomo, l’albero e il frutto.

L’uomo buono trae fuori il bene dal buon tesoro del suo cuore. Il bene del nostro cuore sono i frutti che noi produciamo. L’albero buono, infatti si riconosce dai suoi frutti. Così anche l’uomo si riconosce dalle sue opere. Uno che va contro la legge di Dio si può forse chiamare cristiano?

Sul marciapiede giaceva un giovane, è passato uno che chiamavano medico, era medico? Nella stanza affianco sta piangendo un bimbo, quella che sta guardando la telenovella è forse sua madre? In un convento ogni frate va per conto suo, colui che dice di essere guardiano lo è davvero? Le parole valgono poco.

Non contano nemmeno le invocazioni, le preghiere al Signore, se non sono accompagnate dal compimento della sua volontà. Occorre l’ascolto e la pratica. Diversamente la vita diventa precaria, senza fondamenti. A parole o con le intenzioni siamo tutti cristiani perfetti. Proviamo ad esserlo anche con i fatti.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 11 Settembre 2021
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 11 Settembre 2021