Commento al Vengelo del 1 Novembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

87

Festa di tutti i santi.

È una bella festa quella di oggi: celebriamo la fedeltà di Dio nei nostri confronti e quella degli uomini verso Dio: da questo felice connubio nasce e sgorga la santità. Dio, il tre volte Santo, ne è il primo autore, gli uomini, fedeli fino all’eroismo, sono coloro che hanno ricevuto la grazia e l’hanno trasformato in opere di bene e in testimonianza concreta di indefessa fedeltà a Dio stesso.

Sono gli eroi di Dio, i campioni prescelti tra gli uomini di ogni razza, popolo e nazione. È una schiera che nessuno può contare; i loro nomi non sono scritti nei calendari degli uomini, ma ancor meglio, nel libro della vita. Sono così diventati i nostri modelli e i nostri intercessori presso il trono di Dio, dove cantano la sua gloria e l’inno incessante di lode e di ringraziamento.

È bello per noi pensare, sperare e credere che in quella schiera ci siano anche i nostri cari e tante persone che ci hanno preceduto nel Regno e sono stati nostri compagni nei percorsi della vita. Ci è di grande incoraggiamento tale pensiero perché alimenta fortemente la nostra più fervida speranza, quella di essere annoverati anche noi nel numero dei beati e di essere nel futuro tra i festeggiati di questo giorno.

Lo speriamo non per i nostri meriti, ma soltanto per la grazia che Cristo Gesù ha meritato per noi. Abbiamo la grande opportunità di comprendere dove ci conduce la fedeltà a Dio e in che cosa consista il vivere le beatitudini pronunciate da Gesù, come fonte sicura di felicità autentica.

I santi ci rammentano anche la caducità del tempo e l’immenso valore dell’eternità. Ringraziamoli e invochiamoli tutti, questi nostri amici del cielo.

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 1 Novembre 2021
Articolo successivoSto approfondendo la storia del Santo Rosario, vorrei sapere quando fu istituito e da chi