Commento al Vengelo del 1 Giugno 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

172

E’ lecito o no pagare il tributo?

La prima lettura ci presenta la storia di Tobi. Egli vive nella sua cecità che accetta con animo forte e fiducioso. Questo non gli impedisce di mostrarsi a volte inopportuno con la moglie Anna che deve andare a lavorare fuori casa per tirare avanti la famiglia. Le è stato regalato un capretto. Tobi rimane sospettoso: pensa che sia stato rubato.

Chiede insistentemente alla moglie di restituirlo al padrone… Lei indispettita dai sospetti infondati del marito lo rimprovera aspramente rinfacciandogli l’inutilità delle sue opere buone, dal momento che il Signore ha permesso che fosse ridotto alla cecità. Sospetti, indelicatezze, non primi né ultimi nella vita coniugale… Maggior fiducia e comprensione nelle relazioni reciproche non nocerebbero per la concordia dei coniugi di ieri, di oggi e di domani.

Sia questo l’insegnamento, oltre a quello di non servirsi mai delle cose altrui. Il Vangelo invece ci presenta ancora una volta il contegno astuto dei nemici del Signore: E’ lecito o no pagare il tributo a Cesare? Gesù comprende l’inganno e si fa mostrare una moneta. “Di chi è questa immagine e l’iscrizione?”, domanda. “Di Cesare” rispondono. E Gesù pronuncia quella sentenza diventata proverbiale: “Rendete a Cesare ciò che di Cesare e a Dio ciò che è di Dio”.

Egli ci insegna così a contribuire allo sviluppo della società civile con il nostro apporto personale senza pretendere che altri paghino per noi, d’altra parte però di riconoscerci creature di Dio e quindi debitrici a lui del dono della vita e della grazia, di riservare a Lui e Lui solo l’adorazione, la lode, il ringraziamento per quello che siamo e abbiamo.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 1 Giugno 2021 – Mc 12, 13-17
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 1 Giugno 2021