Commento al Vengelo del 1 Agosto 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

103

Voi mi cercate… perché… !!!

Continua il discorso eucaristico del capitolo sesto del Vangelo di San Giovanni. Il Maestro introduce i suoi discepoli nel mistero eucaristico a tappe. Ha iniziato questa sezione con il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Ora esorta i discepoli a leggere in profondità questo evento e non fermarsi solo sul risultato immediato dello sfamare migliaia di persone. Inizia quindi il suo insegnamento a partire dall’Antico Testamento e leggerlo alla luce della Verità che Egli stesso proclama.

La Liturgia della Parola inizia con una lettura biblica tratta dall’Antico testamento. E’ la consapevolezza che senza di esso anche per noi è difficile comprendere in pieno il messaggio di salvezza portato da Cristo. Noi, che accogliamo la completezza della Rivelazione di Dio, nell’Antico e Nuovo Testamento, possiamo comprendere appieno i misteri che Cristo ci rivela.

L’esortazione di oggi è, nel considerare l’episodio della manna dell’Esodo una prefigurazione del mistero Eucaristico e quindi nella necessità del sostentamento. Gesù parla del sostentamento e del cibo ma di altra natura. Lui è il nostro cibo, lui dobbiamo mangiare. La sua parola, il suo corpo e il suo sangue devono essere il nostro pane quotidiano.

Anche il Santo Padre ci esorta spesso di leggere più la Bibbia, di meditare la Parola di Dio, di adorare il Santissimo Sacramento dell’altare, di accostarci alla confessione e alla comunione eucaristica… Quanto tempo dedico alla lettura della Bibbia…?? O forse, ahimè, quando, l’ultima volta, ho avuto la Bibbia in mano??? Eppure questo è il nostro cibo spirituale, senza il quale la nostra anima non può vivere…

Articolo precedentedon Fulvio Capitani – Commento al Vangelo del 1 Agosto 2021
Articolo successivodon Alfonso Giorgio – Commento al Vangelo del 1 Agosto 2021