Commento al Vangelo di sabato 8 Dicembre 2018 – mons. Giuseppe Mani

12

La chiesa senza Maria è una famiglia senza mamma ed ogni uomo ha bisogno della Mamma, ecco perché, per assurdo, alcuni dicono di non credere in Cristo ma non possono non credere in Maria. Risponde sicuramente ad un sentimento naturale questo bisogno della mamma ma c’è anche un perché, c’è una ragione chiara perché Maria è la creatura più importante per i cristiani. li cristianesimo è la religione che crede che Dio si è fatto uomo e Maria è la donna che lo ha partorito: ecco perché non c1 è nessuno più importante di Lei.

La festa dell’Immacolata è tutta un’esplosione di gioia per aver Maria come Madre e non sappiamo dirgli altro che è Bella . “Tutta bella sei Maria!” è l’esclamazione del cuore che la chiesa esprime davanti a Lei. D’altra parte la Mamma non è né brava, né buona , né intelligente, la Mamma è bella perchè la bellezza è la sintesi e la somma di tutte le qualità, di tutte le virtù, la mamma è colei che ci ama più di tutti.

E abbiamo bisogno di essere amati. Quando al Concilio Vaticano Il decisero di parlare di Maria prevalse la tesi di non fare un decreto a parte ma di inserirla nella Costituzione sulla Chiesa altrimenti sarebbe risultata una famiglia senza madre. Anzi fu sottolineato fortemente il fatto che la Chiesa doveva avere due dimensioni chiare : Petrina e Mariana. La madre è indispensabile per chi vuole essere bambino . “Se non diventerete come bambini non entrerete nel Regno dei cieli” anche perché esprime sicurezza e forza nei pericoli della vita.

Ecco perché il libro più usato nella preghiera dell’Immacolata è il libro di Giuditta. Ogni anno l’otto dicembre leggo il libro di Giuditta e lo consiglio perché mi richiama tutte le vittorie che nella mia vita ho riportato affidandomi a Maria. Sono tanti i nemici che ci circondano e che insidiano la Chiesa che nella Sua storia ricorda la fede del popolo in Maria e la Sua costante protezione in tutti i pericoli. Anche nei nostri “tempi difficili” Papa Francesco ha confidato nella preghiera a Maria le nostre preoccupazioni.

Perché rivolgerci a Maria? Per il semplice motivo che abbiamo fiducia nella preghiera e che associamo Maria alle nostre preoccupazioni con la sicurezza che Suo Figlio la ascolta e presenta al Padre le nostre necessità. L’unica cosa, infatti, che sappiamo dire a Maria, è “prega per noi” affidando a Lei le nostre cause. affidando a Lei le nostre cause.

Più volte Maria ha voluto mostrare la sua attenzione e La Chiesa ha ufficialmente riconosciuto i suoi i speciali interventi a Lourdes , a Fatima, a Guadalupe, e il popolo di Dio ha mostrato con la sua fede la sicurezza che ripone in Maria. San Giovanni Paolo Il ha davvero “confermato” la fede della Chiesa in Maria vivendo il Suo affidamento a Lei con la fede di un bambino.

Celebrare l’Immacolata in “tempi difficili” è riprendere una boccata di coraggio e di fiducia per affrontare le difficoltà di quest’ora con la certezza che non siamo soli a lottare tra i pericoli della vita ma abbiamo Maria che come Giuditta vincerà il nemico e libererà il Suo Popolo.

Commento a cura di mons. Giuseppe Mani dal sito www.giuseppemani.it

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Immacolata Concezione della B. Vergine Maria – Solennità

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di sabato 8 dicembre 2018 anche qui.

  • Colore liturgico: Bianco
  • Gn 3,9-15.20; Sal. 97; Ef 1, 3-6.11-12; Lc 1, 26-38.

Lc 1, 26-38
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 02 – 08 Dicembre 2018
  • Tempo di Avvento I
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: III
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.