Commento al Vangelo del giorno – martedì 26 Febbraio 2019 – fra Roberto Pasolini

390

BRICIOLE DI PAROLA è il commento alle letture del giorno del Centro Aletti.

Ogni mercoledì, o eccezionalmente in altri giorni, una parola e un brevissimo commento audio sulle immagini delle opere del Centro Aletti.

La guida: Fra Roberto Pasolini, frate minore cappuccino, biblista, che ha frequentato l’Atelier di Teologia del Centro Aletti nel 2016-2017 Musiche di Renata Russo Briciole di Parola si aggiunge al Vangelo festivo commentato da p. Marko I. Rupnik e al Vangelo di ogni giorno di padre T. Špidlík.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

Mc 9, 30-37
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse. Insegnava infatti ai suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma, una volta ucciso, dopo tre giorni risorgerà». Essi però non capivano queste parole e avevano timore di interrogarlo.
Giunsero a Cafàrnao. Quando fu in casa, chiese loro: «Di che cosa stavate discutendo per la strada?». Ed essi tacevano. Per la strada infatti avevano discusso tra loro chi fosse più grande. Sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti».
E, preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: «Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[/box]