Pubblicità
Home / Vangelo del Giorno / Commento al Vangelo del giorno di mercoledì 13 Giugno 2018 – Paolo Curtaz

Commento al Vangelo del giorno di mercoledì 13 Giugno 2018 – Paolo Curtaz

Non è venuto a cancellare, ad abolire, a rifondare Gesù, non scherziamo. Non è un anarchico, non un arruffapopolo, non un rivoluzionario.

Vuole riportare tutto all’origine, agli inizi, recuperare quel disegno grande che Dio porta nel cuore e che ha comunicato all’umanità attraverso il popolo di Israele. Disegno che, troppo spesso, è stato tradito, svilito, cambiato, stravolto. Allora Gesù recupera, ripulisce, ritorna alla sorgente, all’origine.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Perché, purtroppo, tradiamo così spesso il disegno di Dio, lo adattiamo alle nostre piccole prospettive, alle nostre opinioni. No, Gesù non stravolge, ma purifica. Quella che lui cerca è la Parola di Dio mischiata ai balbettii degli uomini. E così agisce, con forza, con determinazione.

Ma le parole che non vuole cambiare sono anche quelle delle beatitudini. Che nessuno osi adattarle, confonderle, riempirle di buon senso. Sono e restano un pugno nello stomaco. Teniamola com’è, la Parola di Dio: indigesta, inquietante, folle, grandiosa, arroventata, urticante.

Perché solo prendendola così ne cogliamo l’immensa grandezza e la forza capace di convertire i nostri cuori.

Paolo Curtaz – qui il commento nel suo blog

Vangelo

Mt 5, 17-19
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento.
In verità io vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della Legge, senza che tutto sia avvenuto.
Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Check Also

Commento alle letture del 24 Gennaio 2019 – Mons. Costantino Di Bruno

Il commento alle letture del 24 Gennaio 2019 a cura di  Mons. Costantino Di Bruno, …