Commento al Vangelo del giorno di lunedì 2 luglio 2018 – Paolo Curtaz

155

Gesù ci ha detto di essere disposto a morire per annunciare il vero volto del Padre e, nel racconto di Luca, ha iniziato la salita verso Gerusalemme, incamminandosi con sguardo risoluto, indurendo il suo volto.

E questa stessa forza chiede ai discepoli, senza compromessi, senza cedimenti. Per seguire Gesù dobbiamo rispettare due esigenze: la prima è quella di non volere una tana, una cuccia, come se la fede fosse una fuga dal mondo brutto, sporco e cattivo che non ci capisce.

[better-ads type=”banner” banner=”80570″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Quante volte, nelle nostre comunità, ci sono fratelli e sorelle che sono lì perché troppo intimoriti dal mondo che sta loro attorno! Quante volte frequentiamo la comunità per trovare una protezione, un ambiente che ci possa capire e supportare! Dobbiamo stare attenti, però: Gesù non ha dove posare il capo e, oltre alla certezza di essere amati dal Padre, dobbiamo abituarci all’idea che la vita di fede è un percorso accidentato.

Secondariamente Gesù chiede ai suoi discepoli di staccarsi dai legami famigliari, dalla logica del clan che, ancora oggi, spesso prevale. Seguire Gesù è più del più grande affetto che possiamo vivere.

Paolo Curtaz – qui il commento nel suo blog

Vangelo 

Mt 8, 18-22
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, vedendo la folla attorno a sé, Gesù ordinò di passare all’altra riva.
Allora uno scriba si avvicinò e gli disse: «Maestro, ti seguirò dovunque tu vada». Gli rispose Gesù: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo».
E un altro dei suoi discepoli gli disse: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Ma Gesù gli rispose: «Seguimi, e lascia che i morti seppelliscano i loro morti».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.