Commento al Vangelo del giorno – 7 Ottobre 2018 – don Mauro Leonardi

31

Gesù, in questi giorni dedicati al rosario di Maria, che riunisce attorno alla croce tutta l’umanità, ci ricorda che l’essenza dell’amore è l’unità.

Che la Legge di Dio non è più impressa in cuori di pietra, ma nella carne e il suo fondamento è l’amore incarnato nella Persona di Cristo che ha dato la vita per la salvezza del mondo.

Poesia

Sono come quei bambini

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

I farisei vogliono dividere la moglie dal marito.
I discepoli vogliono dividere i bambini da Gesù.
Non si può.
Non si può.
Ciò che l’amore unisce.
Ciò che l’amore attrae.
Non puoi dividerlo.
Non puoi separarlo.
Perché l’amore è appartenenza.
Appartenenza a Dio.
Chi ama è di Dio.
E Dio accoglie dentro di sé.
Si diventa suoi, del suo regno. Della sua carne.
Se ami.
Dio ti prende tra le braccia.
E non ti lascia più.
E nessuno ti può separare.
Nessuno.

Per un cuore duro.
Servono leggi dure.
Leggi che permettono di dividere e separare quello che invece è nato per unire e sigillare: l’amore.
Dammi un cuore di carne.
Dammi un cuore umido.
Un cuore che tiene stretto l’amore come le tue braccia tengono stretto un bambino.
Sono come quei bambini.
Voglio che mi tocchi.
Voglio stare tra le tue braccia.
Caccia via.
Rimprovera.
Chi vuole allontanarmi da te.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 7 Ottobre 2018 anche qui.

L’uomo non divida quello che Dio ha congiunto.

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 10, 2-16
 
2Alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, gli domandavano se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie. 3Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosé?». 4Dissero: «Mosé ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla». 5Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. 6Ma dall’inizio della creazione li fece maschio e femmina; 7per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie 8e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. 9Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto». 10A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. 11E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei; 12e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio».
13Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. 14Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. 15In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». 16E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 07 – 13 Ottobre 2018
  • Tempo Ordinario XXVII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO