Commento al Vangelo del giorno – 29 Settembre 2018 – don Mauro Leonardi

213

Anche Gesù si fa sorprendere dall’uomo: e come la salvezza viene inaspettata da dove e nel momento in cui nessuna l’attende, così anche Natanaele sorprende Gesù per la sua sincerità e gli rivela il culmine del mistero eucaristico

Poesia

Il tuo sguardo su di me

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

“…non c’è falsità”.
Odio i silenzi bugiardi.
Parlano più di mille parole.
Odio le parole che tacciono.
Urlano.
Odio i pensieri nascosti.
Si rivelano dagli occhi, dai capelli, dai vestiti.
Gesù mio.
Gesù mio.
Proteggimi dalle bugie.
Dalle mie e da quelle degli altri.
Posa il tuo sguardo su di me.
Solo tu mi conosci.
Aiutami.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Gv 1, 47-51
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità». Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto l’albero di fichi». Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l’albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di queste!».
Poi gli disse: «In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net