Commento al Vangelo del giorno – 26 Agosto 2018 – don Mauro Leonardi

104

La parola di Dio è radicale. Richiede totalità di fede nell’incarnazione. Nello Spirito che dà vita. Nella dinamica della Trinità per cui nessuno può giungere a Cristo se non gli è concesso dal Padre attraverso lo Spirito Santo.

Poesia

Donami la fede

Si, questa parola è dura. È vero. È dura da ascoltare. È morbida da mangiare. È una parola di carne. Da stringere. È una parola di pane. Da mangiare. Scalda e sfama. Chi può ascoltarla? Non chi capisce. Ma chi ha freddo e fame. Io non so se ho capito quello che dici. So che ho freddo. So che ho fame. Vieni. Sono parole dure come roccia. Da sedercisi sopra e riposare. Da costruirci sopra e vivere. Sono parole di spirito e vita. Da capire non con la testa. Ma con il cuore. Con l’anima devo credere. Donami la fede. L’amore si misura con la libertà. Lo spirito è libero. Lo spirito dà la vita. Spirito, vita, amore, o c’è la libertà o non mi giovano a nulla perché non mi portano a te. L’amore lo misuro con la libertà. Chi ama è libero. Chi ama rimane. E per sapere se qualcuno ti ama ci vuole il coraggio di questa domanda: “Vuoi andar via anche tu?” Da chi andrò amore mio? Ti ho creduto. Ti ho conosciuto. La mia vita è con te, ce l’hai tu. Da chi andrò?

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]