Commento al Vangelo del giorno – 25 dicembre 2016 – don Mauro Leonardi

311

mauro-leonardi

In principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio.
Egli era in principio presso Dio: tutto è stato fatto per mezzo di lui, e senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che esiste. In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l’hanno accolta. Venne un uomo mandato da Dio e il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per rendere testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Egli non era la luce, ma doveva render testimonianza alla luce. Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo. Egli era nel mondo, e il mondo fu fatto per mezzo di lui, eppure il mondo non lo riconobbe. Venne fra la sua gente, ma i suoi non l’hanno accolto. A quanti però l’hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali non da sangue, né da volere di carne, né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati. E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre, pieno di grazia e di verità. Giovanni gli rende testimonianza e grida: «Ecco l’uomo di cui io dissi: Colui che viene dopo di me mi è passato avanti, perché era prima di me». Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia. Perché la legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo. Dio nessuno l’ha mai visto: proprio il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato. Giovanni 1,1-18

Commento al Vangelo

Dalla prigionia di Babilonia arriva il grido di speranza e di gioia di Isaia che sollecita il popolo ebraico a prepararsi perché la liberazione, la venuta del Signore è vicina; dalla solitudine del deserto Giovanni si annulla e si fa umile voce per far spazio al volto di Cristo la cui venuta è imminente. Dal tormento di Giuseppe, nasce la sua santa paternità verso Gesù; dal nascondimento, infine, del grembo di Maria, da un’umile germoglio, nasce la Luce in grado di rischiarare la terra per sempre. Per questo siamo invitati e a sperare e a gioire in ogni notte della nostra vita, perché Gesù è con l’Emmanuele: Il Dio con noi. Come in un’eterna creazione dove, alla notte, succede un giorno sempre più luminoso e pieno di contemplazione e di bellezza.

Poesia

Che meraviglia le tue parole, Giovanni.
Mi parli di un Dio.
Che è da pensare.
Che è da contemplare.
Che è da ascoltare.
Che è da seguire.
Che è da vivere.
Che è da testimoniare.
Che è da accogliere.

Ma poi non è stato riconosciuto.
Non è stato accolto.

Grazie Giovanni.
So di avere Dio accanto.
So di essere figlia.
So di poter vedere Dio.
E tutto questo grazie alle tue parole.
Grazie a questo incontro con colui che viene dopo di te.
Grazie Giovanni di averlo lasciato passare.
Grazie di avermelo indicato.

[divider style=”solid” top=”10″ bottom=”10″][box type=”info” align=”aligncenter” ]

don Mauro offre la possibilità di lasciare intenzioni per la Messa della mattina sulla pagina Facebook del suo blog “Come Gesù” ogni giorno alle ore 19.
[/box]

Questo commento/poesia del vangelo del giorno è fatto dalla prospettiva di una delle donne senza nome che seguivano Gesù (cfr Lc 8, 1-3). Il suo nome è Zippi (Zippora).

A cura di don Mauro Leonardi – Il suo blog è “Come Gesù

[divider style=”solid” top=”10″ bottom=”10″]

[one_fourth]

[/one_fourth]

[one_fourth]

[/one_fourth]

[one_fourth]

[/one_fourth]

[one_fourth_last]

[/one_fourth_last]

“Una donna del vangelo” è anche sul network Papaboys