Commento al Vangelo del giorno – 22 giugno 2018 – don Mauro Leonardi

105

Tra corpo e anima non c’è alcuna divisione. Per questo, il corpo deve lavorare per garantire la vera vita a sé stesso e all’anima combattendo per quei beni che né il tempo, né lo spazio, né la forza possono sottrarci e che ci restituiscono alla nostra piena dignità e alla una relazione profonda col Padre

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Poesia

Ho un cuore fatto per i tesori.
Ho un cuore fatto per trovare tesori.
La mia vita è un prezioso tesoro.
Non voglio che nessuno me lo consumi.
Porterò il mio cuore in cielo.
Nasconderò la mia vita in cielo.

Pulisci i miei occhi.
Custodisci la mia vista.
Lascia che io ti guardi e sia solo luce ad accoglierti dentro di me.
Ho paura del buio che ho dentro.
Donami la vista.
Riempimi di luce.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 6, 19-23
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassìnano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tarma né ruggine consumano e dove ladri non scassìnano e non rubano. Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore.
La lampada del corpo è l’occhio; perciò, se il tuo occhio è semplice, tutto il tuo corpo sarà luminoso; ma se il tuo occhio è cattivo, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.