Commento al Vangelo del giorno – 21 dicembre 2016 – don Mauro Leonardi

177

mauro-leonardi

In quei giorni, Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento delle parole del Signore». Luca 1,39-45

Commento al Vangelo

Nell’incarnazione è fondamentale il linguaggio del corpo che si fa veicolo della fede in Qualcuno che ancora non si può vedere: Maria si mette in cammino, in fretta, e con i propri piedi si dirige verso un luogo concreto e quotidiano: la casa di Elisabetta e Zaccaria. Le orecchie di Elisabetta sentono il saluto di Maria e il bimbo che Elisabetta ha nel grembo sussulta di gioia. Elisabetta ancora insiste sul fatto che è stato il tono del saluto di Maria a suscitare lo scalpiccio gioioso di Giovanni nel suo seno: ed ecco che subito la Parola si fa carne e la fede si traduce in carità concreta e visibile.

Poesia

Quando una donna prega.
Dio le parla.
Quando una donna crede.
Dio le fa un dono.
Quando una donna dice Si.
Dio le da la vita.
Quando una donna è piena di vita.
Dio la custodisce ancora di più, colmandola di sé: vita, spirito.

Quando due donne sono amiche.
Nasce gioia, vita, beatitudine.
Quando c’è amore, c’è Dio, e le distanze geografiche, anagrafiche, tutte le distanze, spariscono.

[divider style=”solid” top=”10″ bottom=”10″][box type=”info” align=”aligncenter” ]

don Mauro offre la possibilità di lasciare intenzioni per la Messa della mattina sulla pagina Facebook del suo blog “Come Gesù” ogni giorno alle ore 19.
[/box]

Questo commento/poesia del vangelo del giorno è fatto dalla prospettiva di una delle donne senza nome che seguivano Gesù (cfr Lc 8, 1-3). Il suo nome è Zippi (Zippora).

A cura di don Mauro Leonardi – Il suo blog è “Come Gesù

[divider style=”solid” top=”10″ bottom=”10″]

[one_fourth]

[/one_fourth]

[one_fourth]

[/one_fourth]

[one_fourth]

[/one_fourth]

[one_fourth_last]

[/one_fourth_last]

“Una donna del vangelo” è anche sul network Papaboys