Commento al Vangelo del 9 Febbraio 2018 – don Mauro Leonardi

137

La prima parte della lettura di oggi allude al sepolcro chiuso dopo la passione: la gente affamata, disperata, dopo tre giorni di sofferenza e lungo cammino, il deserto.

La seconda parte allude alla redenzione che avviene attraverso la croce: Gesù si spezza e si consuma nei pani e nei pesci che distribuisce e poi, come anticiperà poi anche prima della sua passione, se ne va e si congeda affinché, poi, possa inviare al mondo lo Spirito di Consolazione e la salvezza possa aprirsi al mondo e all’universo intero.

Poesia

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Gesù cerco pane nel deserto e tu cerchi pane in me.
Tu cerchi pane nelle mie tasche, nelle mie borse.
Mi fai tirare fuori le mie poche cose e poi mi fai sedere comoda.
Perché ci sarà da mangiare, ci sarà abbondanza per tutti, dal mio poco ci sarà addirittura avanzo.
Ma io ho finito tutto, non ho più nulla.
Gesù mio, se non metti le mani tue nelle mie tasche, io non trovo nulla.
Se non prendi tu in mano la mia vita se non mi fai mangiare tu, io non ce la faccio.
Se non metti le mani nelle mie tasche, nella mia vita, che pensavo fosse nulla.
Io non posso vivere.
Ma adesso mi moltiplico in te.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mc 8, 1-10
Dal Vangelo secondo Marco

In quei giorni, poiché vi era di nuovo molta folla e non avevano da mangiare, Gesù chiamò a sé i discepoli e disse loro: «Sento compassione per la folla; ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Se li rimando digiuni alle loro case, verranno meno lungo il cammino; e alcuni di loro sono venuti da lontano».
Gli risposero i suoi discepoli: «Come riuscire a sfamarli di pane qui, in un deserto?». Domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette».
Ordinò alla folla di sedersi per terra. Prese i sette pani, rese grazie, li spezzò e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero; ed essi li distribuirono alla folla. Avevano anche pochi pesciolini; recitò la benedizione su di essi e fece distribuire anche quelli.
Mangiarono a sazietà e portarono via i pezzi avanzati: sette sporte. Erano circa quattromila. E li congedò.
Poi salì sulla barca con i suoi discepoli e subito andò dalle parti di Dalmanutà.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

don Mauro offre la possibilità di lasciare intenzioni per la Messa della mattina sulla pagina Facebook del suo blog “Come Gesù” ogni giorno alle ore 19.

Questo commento/poesia del vangelo del giorno è fatto dalla prospettiva di una delle donne senza nome che seguivano Gesù (cfr Lc 8, 1-3). Il suo nome è Zippi (Zippora).

A cura di don Mauro Leonardi – Il suo blog è “Come Gesù

[amazon_link asins=’887180998X,8881556723,8881555336,8881556464′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’76406a09-5781-11e7-a690-e73f53bf67d8′]