Commento al Vangelo del 7 febbraio 2018 – Monastero di Bose

400

Il vangelo odierno ci riporta a una constatazione fondamentale: non è ciò – qualsiasi cosa sia – che da fuori entra in noi che ci sfigura, ma ciò che esce da dentro di noi (7,16); e ci riporta a una domanda altrettanto fondamentale, preliminare a ogni nostro pensiero e azione: “che cosa c’è nel mio cuore?” (7,21).

Le nostre giornate sono talora cariche di tensioni e d’incertezze, di fantasmi e di preoccupazioni, ma abbiamo sempre la possibilità di fare pulizia, di pervenire – se lo vogliamo – a una chiarezza liberatoria tramite questa semplice domanda: “cosa abita nel mio cuore?”. È la domanda che ci dovremmo porre sempre, prima di parlare e di agire. Forse perché questa domanda ci fa paura e ci fa sentire molto piccoli, per reazione ingigantiamo le cose.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Gesù con grande forza “chiama di nuovo la folla”, chiedendo di “ascoltarlo tutti e di comprendere bene” (7,14), arrabbiandosi poi quando neanche i discepoli (7,18) sono capaci di capire che la domanda vera è: “cosa c’è dentro di me?”. Non c’è bisogno di doti straordinarie, basta sincerità, realismo e onestà. Nel mio cuore, che cosa c’è verso gli altri? Verso il fratello, la sorella? Verso la famiglia, la comunità?

Gesù ci ammonisce che nel cuore abita un ospite inatteso, che non ci aspettavamo: “i pensieri cattivi” (7,21), “tutte queste cose cattive” (7,23), la cattiveria. Non siamo più abituati a questo vocabolario crudo e franco, ma è il vocabolario di Gesù, di colui che ci insegna come vivere in questo mondo. Come la bontà è il fondo dell’amore, così la cattiveria è il fondo del non-amore. È drammatico, ma è un pericolo concreto che il vangelo ci chiede di guardare in faccia, il più grande pericolo: non amare in fondo nessuno, proiettando la nostra infelicità sugli altri.

Questa pagina di vangelo non è affatto consolatoria, è in realtà una pagina tragica: Gesù rivela che al cuore del nostro cuore sta l’occhio cattivo (7,22: “oculus malus” secondo la versione latina). L’occhio che vuole vedere il male, ossessionato dal male. Un occhio disumanizzato, demolitorio, profondamente infelice. “Se la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tua tenebra!”, avverte Gesù (Mt 6,21). L’occhio trascina tutta la persona in un essere rivoltato, accecato, sfiduciato. Può succedere, ed è per questo che Gesù è particolarmente duro, per metterci in guardia!

Gesù medico delle nostre vite chiede che il cuore sia il luogo dove la morte non abbia l’ultima parola, l’abbia invece il soffio della resurrezione. “Meglio altre cento volte vittima, che una sola volta carnefice. Da quel momento sono stata libera”, ha detto Liliana Segre.

La “latitudo cordis” di cui parlano i padri è un cuore largo, un cuore più grande della vita, “larger than life” come dice una bellissima canzone, un cuore dove “i fatti più duri diventano fattori di crescita e di comprensione, un nuovo senso delle cose attinto dai pozzi più profondi della nostra miseria e disperazione”, scrive una testimone del nostro tempo.

Impegniamoci allora a ritornare ogni volta a questa domanda essenziale: “Cosa c’è nel mio cuore?”.

fratel Lino della comunità monastica di Bose

Mc 7, 14-23
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù, chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro».
Quando entrò in una casa, lontano dalla folla, i suoi discepoli lo interrogavano sulla parabola. E disse loro: «Così neanche voi siete capaci di comprendere? Non capite che tutto ciò che entra nell’uomo dal di fuori non può renderlo impuro, perché non gli entra nel cuore ma nel ventre e va nella fogna?». Così rendeva puri tutti gli alimenti.
E diceva: «Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo. Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Puoi ricevere il commento al Vangelo del Monastero di Bose quotidianamente cliccando qui