Commento al Vangelo del 7 Febbraio 2018 – don Mauro Leonardi

131

Il centro della nostra fede è il cuore. La Chiesa tante volte mette al centro dell’anno liturgico il cuore di Maria e Gesù che vengono esposti per la salvezza dell’umanità: un cuore esposto è umile ma anche forte.

Che sa di non doversi nascondere perché nulla, da fuori, lo può colpire se dentro c’è la luce dell’amore che viene dalla Trinità.

Poesia

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Cosa ho nel cuore?
Cosa esce dal mio cuore?
Che rumore fa il mio cuore?
Dalle mie labbra cosa esce?
Questo dirà chi sono.
Questo dirà come sono.
Questo dirà chi mi abita.

Cosa ho nello stomaco?
Lo dirà la fogna.

È il mio cuore che voglio riempire di te.
E cosa ho nel cuore lo dirà la mia bocca, i miei sguardi, le mie mani, la mia vita.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mc 7, 14-23
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù, chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro».
Quando entrò in una casa, lontano dalla folla, i suoi discepoli lo interrogavano sulla parabola. E disse loro: «Così neanche voi siete capaci di comprendere? Non capite che tutto ciò che entra nell’uomo dal di fuori non può renderlo impuro, perché non gli entra nel cuore ma nel ventre e va nella fogna?». Così rendeva puri tutti gli alimenti.
E diceva: «Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo. Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

don Mauro offre la possibilità di lasciare intenzioni per la Messa della mattina sulla pagina Facebook del suo blog “Come Gesù” ogni giorno alle ore 19.

Questo commento/poesia del vangelo del giorno è fatto dalla prospettiva di una delle donne senza nome che seguivano Gesù (cfr Lc 8, 1-3). Il suo nome è Zippi (Zippora).

A cura di don Mauro Leonardi – Il suo blog è “Come Gesù

[amazon_link asins=’887180998X,8881556723,8881555336,8881556464′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’76406a09-5781-11e7-a690-e73f53bf67d8′]