Commento al Vangelo del 5 Maggio 2020 – Padre Antonio Salinaro

67

Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono.
Ascolto, voce, conoscenza sono le parole che caratterizzano ogni relazione…
l’ascolto è importante per capire l’altro, per incontrare la sua anima, per percepire le passioni e i desideri che lo animano, per conoscere e per poter amare… tutti gli amori nascono da un profondo ascolto del cuore e del corpo dell’altro…

Voce: suadente, decisa, amorevole, stridula, appassionata, triste, impaurita, confortante.. le flessioni della voce ci dicono l’oggi dell’altro accanto o di fronte a noi; ci dicono il qui e ora delle sue emozioni, le impennate delle sue passioni e la forza del suo amore.

Da questi parte la conoscenza profonda e la voglia di camminare insieme all’altro!!!
anche Dio vuole far parte delle nostre relazioni del nostro amore, anzi conoscendolo e ascoltandolo impariamo cos’è l’amore… quello vero!!

Ed è importante per poter stare insieme cordialmente e per poter far parte del progetto di Dio: ascoltarlo, conoscerlo e seguirlo… ma non per Lui, che continuerebbe a farci ascoltare la sua voce, per noi… per non perdere l’occasione di conoscere le mani di Gesù: accudenti… e che portano lontano… anzi.. avanti!!!

Buona giornata.


AUTORE: p. Antonio Salinaro
FONTE:
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

ACCOUNT FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER

Articolo precedentedon Tomasz Korszun – Commento al Vangelo di oggi – 5 Maggio 2020
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 5 Maggio 2020